skib FB Instagram
Italiano
Menu
Località sciistiche
I nostri servizi
Blog
Skib utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza online. Per maggiori informazioni puoi consultare l' Informativa sui Cookie.
La pista Stelvio, perla del Bormio

La pista Stelvio, discesa da campioni veri

Nessun commento
Matteo Corradi
Feb 26, 2016

La pista Stelvio: una pista unica e spettacolare, una discesa da campioni del mondo che toglie il fiato e regala emozioni straordinarie.


E' stata definita la Scala degli sport invernali. Una pista fortemente tecnica dove sbizzarrirsi in discese spettacolari, fra salti, curve e muri di neve.
La pista Stelvio si trova a Bormio, in Valtellina. Dalla cittadina si raggiunge l'inizio della pista, situato a 2255 metri grazie ad una cabinovia e due seggiovie, la Bormio o la Fontana Longa.
La pista è lunga complessivamente 3186 metri e scende fino a 1268 metri con un dislivello totale di quasi 1000 metri. La pendenza massima è del 63%...una bella sfida!

La pista Stelvio e i campionati del mondo


La pista Stelvio è stata tracciata per i Campionati del Mondo di Sci alpino del 1985, campionati disputati qui anche nel 2005.
Dal 1993 si svolgono qui gare di discesa libera per la Coppa del Mondo maschile che hanno visto trionfare grandi campioni come lo statunitense Bode Miller nel 2007 o l'italiano Christof Innerhofer nel 2008.
La pita Stelvio ha ospitato anche varie gare di Slalom, Slalom Gigante e Super G. Senza dubbio una discesa da grandi campioni, conquistata anche da Alberto Tomba nel 1995, che si aggiudicò qui il Gigante nella finale di Coppa del Mondo.

Stelvio: la pista


Una pista, la Stelvio, che mette a dura prova la resistenza fisica: forse la principale difficoltà dello spettacolare tracciato.
Si inizia con un muro e due curve che lanciano nel doppio salto della Rocca. Da qui si arriva a grande velocità nel Canalino Santorelli, lungo 300 metri.
Eccoci a Fontana Lunga, dopo un pianoro e una serie di curve.
Ancora curve velocissime che ci portano in uno dei punti più difficili e tecnici, la traversa della Carcentina, una diagonale con il fondo ghiacciato.
Si rallenta per prepararsi al Salto di San Pietro, 40 metri che lanciano su un muro dove i campioni arrivano a 140 kilometri orari!
Un pianoro e poi il finale ricco di curve in contropendenza, un ultimo salto ed ecco il traguardo!

Invia un commento